↑ Torna a Via Cassia

Stampa Pagina

Torre dei Serpenti

di Onir
==========================

La torre dei serpenti è un luogo poco ospitale e pericoloso. Visitarlo da inesperti o singolarmente significa tenere poco alla propria vita. La morte atroce tra le fauci di un serpente è quello che attende gli incauti, meglio introdursi con qualche compagno ben addestrato e pronto a tutto.

1) Politica
La torre del serpente è una Ierocrazia che fa capo all’Uomo Serpente in persona che distribuisce il lavoro, le pene e le gratificazioni ai suoi adepti. Spesso le gratificazioni però sembrano, ad un essere normale, una vera e propria tortura. In effetti la loro politica è molto conservatrice e isolazionista, non hanno rapporti commerciali con l’esterno e tantomeno rapporti diplomatici. Nemmeno con i popoli che vivono nella foresta hanno istaurato un patto di non belligeranza come soliti si è fare con gli immediati vicini. Anzi, date le continue sparizioni della gente dai villaggi, attribuite a scorribande degli adepti del culto, gli abitanti della foresta hanno pensato bene di assoldare un gigante che tenesse a bada l’ingresso della torre malefica, e che avvisasse la gente in caso di strani cortei in uscita dalla torre. Nonostante questo però la gente continua a sparire, si dice che i sacerdoti del serpente abbiano addestrato dei rettili volanti che si fanno gioco del gigante e continuano a depredare i villaggi della gioventù migliore.

2) Religione
L’esistenza dei sacerdoti appartenenti al culto del Serpente e’ condotta esclusivamente tra le nere pareti del tempio dove si impongono una ferrea disciplina e ricercano il controllo supremo del dolore. Il fine ultimo della loro esistenza e’ quello di tramutarsi in Serpente!
Più volte nella loro vita devono dimostrare le proprie capacità e la dedizione al loro Dio.
In questi frangenti vengono condotti alla presenza del loro profeta, il più temibile tra i credenti, l’Uomo-Serpente, e sottoposti ad una prova davvero difficile da sopportare: la Morsicazione! Questo passaggio obbligatorio nel culto del rettile, prevede che ogni corpo venga martoriato dai morsi dell’Uomo-Serpente fino alla perdita dei sensi, poiché credono che, così facendo, nei corpi degli adepti venga infusa la vita stessa del rettile.
Terminata la prova, se l’accolito sopravvive, viene tatuato col sangue delle vergini nelle parti del corpo straziate. L’avere quindi molti tatuaggi rappresenta, per i preti del culto, un vanto e una dimostrazione di forza, nonché un passo decisivo nel percorso religioso.

3) Clima
Il clima che prevale all’interno della Torre è completamente diverso da quello che ci si aspetterebbe in un luogo costruito all’interno del bosco di Alma. L’aria opprimente che si respira tra le pareti della torre è afosa e densa di umidità, probabilmente causate dai vapori acquei che nascono dal fiume che scorre sotto le sue fondamenta.

4) Arte
L’interno della torre non presenta spunti di qualità per quanto riguarda forme artistiche di un certo spessore. I corridoi sono spesso bui e quasi nulla si trova su di essi. Alcuni mosaici sono visibili nell’unico grande salone della torre e risaltano fortemente sulle pareti di pietra nera. Unica attrattiva di rilievo è l’altare delle lucertole, luogo in cui vengono sacrificate le vergine al dio dei rettili. Qui le pareti sono completamente Nere, e l’acqua che trasuda su di esse provoca luccicanti rivoli rossastri in combinazione alle luci delle torce sparse per le navate. L’altare stesso è costruito con le medesime pietre nere, ma i rivoli rossi che si notano sono di tutt’altra natura.

5) Architettura
La Torre del Serpente è una delle meraviglie architettoniche del mondo.
Alta oltre cento metri, raffigura un serpente che si arrotola su se stesso con le testa erta e gli occhi gialli che scrutano lontano. Con il tempo i rampicanti l’hanno avvolta in un abbraccio verdeggiante, donandogli un tocco molto più naturale della famigerata pietra nera di cui è costruita. La pietra si dice sia marmo proveniente dagli inferi poiché provando ad accostare un orecchio alla sua fredda parete sembra di ascoltare i lamenti dei dannati e le arcane imprecazioni dei demoni oscuri.

6) Strade e Collegamenti
La torre del serpente, come detto, è sita nel mezzo del bosco di alma, l’accesso è pressoché scomparso tra i rampicanti. Qualche avventuriero ha narrato di un accesso inconsueto raggiungibile dalla testa del serpente che si trova sull’estremità superiore della Torre. Sentieri ben delineati nel bosco conducono nei pressi di un albero gigantesco sul quale è possibile arrampicarsi per tentare l’impresa.

7) Geografia
Immerso nel bosco di alma questo luogo confina quindi con la capitale stessa e i villaggi presenti nel bosco. Un fiume sotterraneo scorre al di sotto della Torre e si tuffa in un placido laghetto, ben noto a tutti gli amanti. Non è possibile però dal laghetto risalire la corrente ed entrare nella torre. La Flora che si è sviluppata nei pressi della torre consiste di una moltitudine di piante rampicanti che la rivestono e la rendono invisibile ai più. La fauna invece è molto povera, gli unici animali che sopravvivono nella torre sono i serpenti, ne esistono di specie diverse e vengono venerati e protetti quasi quanto l’uomo serpente in persona.

8) Turismo
Per l’aggressività degli adepti del culto la zona è poco visitata, talvolta gruppi di avventurieri si immergono nei suoi meandri alla ricerca di qualche preziosa gemma o per trafugare i tesori dei sacerdoti. Altre volte per liberare dalla schiavitù e dalla morte le giovani vergini. Ma la perdita di vite umane e quella di oggetti di valore rende il luogo spesso isolato. Molto più frequente è invece la caccia ai rettili volanti da parte di giovani in cerca di gloria e fama, che si scatena allorquando vengono avvistati in giro per la foresta.

9) Informazioni Varie
Una leggenda narra che la vita dell’Uomo Serpente possa rinnovarsi ogni qual volta una vergine venga sacrificata sull’altare nero.
Altre voci sussurrano di serpenti in grado di uccidere all’istante chiunque venga morso.

Condividi

Permalink link a questo articolo: http://leu.uaiz.it/biblioteca/progetto-atlante/via-cassia/torre-dei-serpenti/