↑ Torna a Via Appia

Stampa Pagina

Ragni e Ninfe

*** Radura delle Ninfe ***
*** Foresta Oscura ***
*** Sentiero dei Ragni ***
*** Foresta di Jopwood ***

di Hamlet
====================================

Le due foreste che compongono questa zona furono probabilmente in passato teatro
di battaglie ed eventi, come testimoniano resti che paiono recenti nonostante siano lì da secoli. Ora il ricordo di quegli eventi si e` perso, e con essi quello della foresta, che obliata dalla civiltà diventa rifugio per reietti (quale il popolo dei goblin).

1) Politica
Nella foresta non esistono comunità civili, a parte quella dei goblin (v.) e delle schive e protettive ninfe. Le ninfe popolano una piccola radura che circonda un placido laghetto; poche sono le informazioni su queste creature, dalle quali pare che esse non abbiano un’organizzazione, benché ci sia tra di esse una figura di riferimento di cui si ignora il ruolo.
Pochi aggressivi esemplari di lupo nero vagano per la foresta, ma nessuno ne ha mai studiato la gerarchia e la società. Una popolazione enorme di piccolissimi ed innocui (ma voraci) ragni occupa la parte meridionale della zona; la loro organizzazione pare essere matriarcale e gerarchica: sono stati visti alcuni ragni più grandi (giganti) e si sospetta l’esistenza di una regina.

2) Religione
Tra le ninfe vige probabilmente il culto della natura, anche se non ci sono ragioni per affermare che esso coincida con la venerazione di Mielikki, dea della fauna nella teologia imperiale. La figura di riferimento tra le ninfe potrebbe essere proprio una sacerdotessa; tuttavia non ci sono segni materiali di culto quali templi o altari o resti sacrificali; probabilmente la venerazione della natura si concretizza completamente nello stile di vita delle ninfe.

3) Clima
Il clima diviene sempre più mite man mano che si procede verso sud. A causa della chiusura della foresta oscura in se stessa, essa e` molto umida. Un clima a parte e` nella radura delle ninfe, che probabilmente condizionano il tempo con la magia.

4) Arte
Nella radura delle ninfe l’arte e l’architettura si confondono, quindi si rimanda a quest’ultima.

5) Architettura
Le ninfe manifestano probabilmente la propria arte con la loro architettura, e quest’ultima con la disposizione geometrica degli alberi, con l’armonia dell’erba che circonda il laghetto, con la regolarità del lastricato dei sentieri che vi conducono (e sui quali sono aperte congetture sulla loro fattura, che pare troppo perfetta per essere dovuta alle ninfe e che potrebbe essere frutto di una curiosa collaborazione con i nani delle vicine miniere).

6) Strade e Collegamenti
La foresta oscura sfuma nella foresta di pietra a nord e est, mentre verso sud si unisce alla Strada del Sole; a sud est, attraverso Jopwood, si collega alla città di Mordilnia. Le poche piste sono delineate sufficientemente bene.

7) Geografia
A sud la strada del Sole conduce verso Siracusa; verso nord la foresta oscura si trasforma e muta nella Foresta di Pietra. Ad est la libera città di Mordilnia. L’unico laghetto è quello attorno al quale sono riunite le ninfe; non gli è mai stato dato un nome, ne’ è noto da dove attinga l’acqua; si suppone una sorgente sotterranea. La foresta oscura è caratterizzata da fogliame fittissimo che non fa arrivare luce sul sottobosco, che risulta quindi poco sviluppato; invece la fauna sembra adattarsi a tale condizione; condizione che alcuni sospettano non sia del tutto naturale. Più a sud, oltrepassati i sentieri in cui le ragnatele coprono completamente la vegetazione (e in cui sono stati ritrovati persino resti di goblin) si raggiunge la foresta di Jopwood. Essa è particolarmente fitta e silenziosa, ma le poche piste sono delineate sufficientemente bene. Da essa si raggiunge a nord una palude senza nome e di cui raramente le carte geografiche fanno menzione; tutto in essa è morto. Essa si rituffa nel bosco, probabilmente una parte della foresta oscura.

8) Turismo
La regione è definitivamente dedicata al passaggio fugace, per chi non si può permettere trasporti magici ne’ a pagamento ed è costretto a questi sentieri e per chi tenta di predare il villaggio dei Goblin.

9) Informazioni Varie
Le ninfe sono esseri straordinariamente belli ai nostri occhi, ma noi non lo siamo ai loro; per questo gli avventurieri giovanissimi dovrebbero evitarle.

Condividi

Permalink link a questo articolo: http://leu.uaiz.it/biblioteca/progetto-atlante/via-appia/ragni-e-ninfe/