↑ Torna a Mare Nostrum

Stampa Pagina

Vulcano

di Kandol
==============

1) Politica
La zona e’ dominata dalla presenza di Amelia la vampira e dal mago hobbit entrambi protetti da una vera schiera di servitori o meglio succubi. Non e’ chiaro però se questa dominazione avviene con il consenso della popolazione locale (molto ostile agli stranieri) oppure mediante l’uso della forza e del terrore.
Non si sono reperite informazioni sulla politica estera, pare che tutti gli ambasciatori e gli esploratori di altre popolazioni che si siano recati in questa zona siano scomparsi e dati per dispersi.

2) Religione
Nella zona si trova un imponente tempio dedicato al dio Poseidone. Lo stato del tempio curato in ogni particolare e ben illuminato da torce fa pensare che il culto sia tuttora attivo e praticato. Anche se non si conoscono i particolari delle celebrazioni perché evidentemente i fedeli si riuniscono solo quando non vi sono occhi estranei.
Si e’ quindi incerti sia della razza dei fedeli, sia dei rituali e come questo si relazioni con la presenza di una potente vampira.

3) Clima
Dal punto di vista climatico si va dal clima marino e soleggiato della spiaggia e dell’esterno dell’edificio vulcanico a quello molto caldo ed umido del sottosuolo.
Inoltre i continui tremori dovuti al vulcano mettono l’eventuale viaggiatore in uno stato di perenne tensione.
In particolare e’ poco indicata ai malati di cuore l’attraversamento dell’abisso di fango ribollente dove i continui getti di acqua bollente (geyser) rendono l’atmosfera poco piacevole.

4) Arte
Nell’area non ci sono oggetti artistici di particolare rilevanza. Unica eccezione e’ il magnifico viso di Poseidone ritratto sulle porte di ingresso.

5) Architettura
Benché la zona non sia ricca di tesori artistici e’ invece ricca dal punto di vista architettonico:
– Il tempio di Poseidone con le sue porte di oro massiccio e’ uno splendido esempio di architettura. E’ realizzato completamente il rame protetto dai fanghi ribollenti dell’esterno da un efficace bolla d’aria. E’ composto da un unica navata vivacemente illuminata da torce fissate alle pareti mediante coralli. Si nota l’assenza di un altare vero e proprio, ma solo di un reliquario contente quella che era l’arma preferita del Dio: “Onda Marina”.
– Sono presenti in diversi punti delle scalinate. Ma merita una speciale menzione la scala gigante che conduce alla casetta del mago Hobbit. E’ una scala spettacolare con gradini lunghi 5 metri ed alti 2!
– Nell’area sono presenti numerosi cunicoli e passaggi che a loro modo, nella loro ordinarietà sono comunque un valido esempio di architettura sotterranea. Anche se altre zone del mondo posseggono sicuramente tunnel e labirinti molto più lunghi ed articolati.
– Il percorso sulle piattaforme fra i gheiser e l’abisso di fango ribollente e’ sicuramente mozzafiato.

6) Strade
L’unico modo di giungere in questa zona e’ veleggiando per alcuni giorni verso ovest nel mare nostrum. Si giunge così ad una spiaggia e dopo una breve arrampicata si giunge ad una stretta cengia che permette di fare un giro completo del cono.
Oppure, continuando a salire, si arriva in una caverna. Di qui tramite una porta mimetizzata nella caverna si accede al sottosuolo ed ai suoi misteri.
Si arriva così di fronte ad una sfinge ed al suo indovinello:

” E’ rotonda, e’ piatta,
un sogno del lupo,
gioiello sul nero cupo,
perla nel mare,
vuol sempre cambiare,
anche se sempre la stessa e’,
aprila orsù , o avventurier! “

Se si supera questa difficoltà ci si parano dinanzi diverse vie tutte scavate nella roccia. Ad est si va verso le piattaforme e la vampira Amelia. Da quella parte si trova anche un enorme stanza illuminata abitata da molte ombre che sono piuttosto poco socievoli ed abbastanza pericolose.
A nord si va verso il tempio di Poseidone mentre ad ovest si giunge alla scala gigante.

7) Geografia
7.1 Mari
Essendo un’isola e’ ovviamente circondata dal mare: il mare nostrum. Offre un unica caletta da cui e’ possibile accedere all’interno dell’isola tutt’intorno l’isola si erge dal mare presentando una parete lavica assolutamente impervia.
7.2 Fiumi
Vi e’ solo un piccolo ruscello visibile alle pendici del monte. E si trovano qua e là dei piccoli sifoni che sbuffano vapore.
7.3 Caverne
Inoltre diverse caverne occhieggiano sui versanti dell’edificio vulcanico. In queste caverne ovviamente e’ presente una forte attività vulcanica secondaria come soffioni di vapore ed acque termali.
7.4 Laghi
Al di sotto delle piattaforme nell’abisso si trova un lago di melma ribollente. Quando si passa sopra le piattaforme non si può fare a meno di temere di finirci dentro.
7.5 Boschi e Foreste
Intorno al vulcano si trova una fitta foresta ricca di animali ed uccelli di ogni tipo. in particolare vi si possono incontrare degli enormi gorilla.

8) Turismo
Il turismo nella zona e’ dovuto solo all’avidità’ umana perché  pare che la zona sia ricca di gemme. Gli avventurieri faranno bene a stare molto molto attenti infatti la popolazione locale e’ estremamente ostile ed e’ capace di reagire con inusitata forza contro un singolo inaccorto avventuriero. In particolare bisogna prestare attenzione all’attraversamento delle piattaforme poiché i geyser sono molto pericolosi, ovviamente alla vampira ed alle ombre che possono drenare la forza vitale degli incauti.

9) Informazioni Varie
Oltre al piccolo indovinello della sfinge si possono trovare molti piccoli oggetti e pozioni che possono sempre tornare utili. Usando attenzione e’ una zona da visitare e conoscere ed anche se può sembrare altrimenti priva di “trappole”….. ah quasi dimenticavo ricordatevi di controllare sempre dove siete quando state per atterrare.

Condividi

Permalink link a questo articolo: http://leu.uaiz.it/biblioteca/progetto-atlante/mare-nostrum/vulcano/