↑ Torna a Alma

Stampa Pagina

Palazzo delle Religioni

di Setanta
==========================================

Buona parte del Palazzo può essere esplorata, con un minimo di prudenza, anche da avventurieri giovani; però, per una esplorazione più approfondita o per investigare sulle voci riguardanti le alte cariche del Palazzo e’ meglio riunire un piccolo gruppo di avventurieri di media esperienza.

1) Politica
Il Palazzo delle Religioni e’ uno dei più grandi edifici sacri di Alma Civitas e la residenza di numerosi sacerdoti di vari culti; il Palazzo e’ una sorta di monastero, dove i religiosi vivono, svolgono le loro funzioni, studiano, meditano e ammaestrano i novizi. Oltre che un luogo di culto, il Palazzo delle Religioni e’ anche un importante centro politico: e’ qui infatti che i rappresentanti dei diversi culti possono incontrarsi, discutere e cercare di stabilire un indirizzo comune tanto su divergenze spirituali che su questioni più materiali, come eventuali istanze da presentare al Senato e all’Imperatore.
La più alta autorità del luogo e’ il Sommo Sacerdote, eletto dai rappresentanti dei vari culti; il Sommo Sacerdote rappresenta l’intera classe sacerdotale dell’Impero, e ha quindi un enorme potere spirituale e temporale. Attualmente il Sommo Sacerdote e’ Ryadel, un chierico relativamente giovane. Dal giorno della sua elezione si sono andate moltiplicando voci e pettegolezzi sulla sua smodata ambizione; tuttavia, la sua condotta e’ stata finora esemplare. Forse si tratta solo di invidie e maligne insinuazioni…

2) Religione
Il Palazzo delle Religioni e’ un monastero dedicato, più che a un singolo culto, alle varie divinità adorate nell’Impero; di conseguenza, il posto ospita chierici devoti alle varie religioni diffuse ad Alma Civitas e nelle province. Nel Palazzo ci sono anche rappresentanti dei monaci Shaolin, inviati come “ambasciatori” dal Maestro Cain.

3) Clima
Il Palazzo e’ una costruzione imponente, con spesse mura perimetrali che isolano efficacemente dagli eccessi di caldo e freddo. La maggior parte degli ambienti sono immersi nella penombra, probabilmente per favorire la meditazione e il raccoglimento. Le cantine sono molto umide e ospitano diversi piccoli parassiti.

4) Arte
E’ possibile trovare diverse forme d’arte all’interno del Palazzo. Degna di nota e’ senz’altro la grande biblioteca: come e’ logico aspettarsi da uomini di fede dediti alla ricerca di Verità e conoscenza, la biblioteca del Palazzo e’ fornita non solo di una  vastissima collezione di testi sacri, ma anche di tomi e manoscritti su ogni genere di argomento. Molti volumi sono rari e preziosi per l’età, l’autore e la manifattura.
Altre opere d’arte includono alcune sculture, i bellissimi affreschi che coprono le pareti dei corridoi e numerosi dipinti; naturalmente la maggior parte dei soggetti e’ di tipo religioso. Particolarmente curioso e’ il frequente ricorrere di un drago o serpente alato, probabilmente un simbolo di qualche culto poco noto.

5) Architettura
Il Palazzo e’ una costruzione piuttosto austera, come si conviene ad  un monastero. Lunghi corridoi immersi nella penombra collegano i locali comuni (come il refettorio e la biblioteca) e le stanze dei chierici. Gli ambienti sono in genere molto spartani: pareti nude, semplici tavoli di legno, sgabelli e pagliericci. Tuttavia, i locali di maggior prestigio sono abbelliti con raffinatezze architettoniche e marmi pregiati, e le camere private di alcuni sacerdoti, specialmente quelli di alto rango, sono spesso arredate con mobili pregiati, a volte lussuosi. Nel complesso, comunque, l’architettura severa e la poca luce rendono l’atmosfera del Palazzo delle Religioni piuttosto tetra.

6) Strade e Collegamenti
Il Palazzo delle Religioni sorge nel quartiere degli Eroi, lungo il viale omonimo, di fronte alla Cattedrale di Alma Civitas; raggiungerlo e’ quindi molto facile. Il portone d’accesso in genere viene tenuto chiuso, ma non e’ mai sbarrato o chiuso a chiave. Si
mormora anche che nel Palazzo siano celati passaggi segreti, possibilmente collegati con l’esterno; del resto ci sono voci simili su quasi tutti i monasteri o i castelli.

7) Geografia
Il Palazzo delle Religioni e’ un edificio, per cui non c’e’ molto da dire circa le sue caratteristiche geografiche. A meno che non siano di un qualche interesse orografico le infiltrazioni d’acqua nelle cantine…

8) Turismo
Il Palazzo e’ abitato in gran parte da pacifici religiosi, miti e privi di aggressività; i visitatori sono ammessi, purché non disturbino le attività dei chierici. In particolare, alcuni sacerdoti, specialmente quelli che ricoprono le cariche più alte, hanno un alto senso del proprio rango e possono reagire violentemente alle intrusioni nelle loro stanze. Alcuni dei religiosi hanno a disposizione oggetti magici o di culto che possono essere molto utili per avventurieri giovani e meno giovani, ma non li cederanno a meno che non vengano costretti con la forza; si dice inoltre che i tributi che il Palazzo riceve siano custoditi da qualche parte al suo interno… sicuramente in un luogo ben protetto.

9) Informazioni Varie
Benché sia un luogo apparentemente tranquillo, pensato per favorire  la vita contemplativa, il Palazzo delle Religioni potrebbe nascondere qualcosa di inquietante. Voci insistenti e frasi pronunciate sottovoce dai soliti bene informati alludono a invidie e rancori, forse perfino a complotti, che sarebbero in atto nelle stanze e nei bui corridoi del Palazzo; finora tutto sembra normale, ma la  sparizione di uno dei religiosi della comunità ha contribuito a alimentare le congetture dei curiosi e dei pettegoli.

Condividi

Permalink link a questo articolo: http://leu.uaiz.it/biblioteca/progetto-atlante/alma/palazzo-delle-religioni/