↑ Torna a Relia

Stampa Pagina

Accampamento dei disertori

di Selene
===========================

L’accampamento dei Disertori è un luogo d’interesse già per gruppi di giovani avventurieri intraprendenti, ma come sempre è consigliabile una buona dose di prudenza.

1) POLITICA
La zona ad ovest del villaggio infestato di Lorgae è retta da una banda di Disertori comandati dal potente Kalthas, uomo rude e decisamente molto poco incline a seguire i dettami del galateo. Suo fedele consigliere è Eriast, l’ex confessore personale dell’Emiro di New Thalos; egli decise di allearsi ai disertori dopo essere stato cacciato dalla città grazie alle promesse di bottino.
L’ordine politico dei disertori è parificabile ad una qualsiasi gerarchia militare: nel campo si possono identificare veterani, arcieri e “disertori semplici” guidati da un sergente.
Per quanto riguarda l’economia della popolazione locale si può solo dire che è basata principalmente sui bottini raccolti ai passanti lungo la via, dato che non ci sono testimonianze di altri tipi di sostentamento.

2) RELIGIONE
Con tutta probabilità questo gruppo di disertori segue le indicazioni religiose di Eriast il chierico rinnegato, votato ad una divinità malvagia identificata, grazie al simbolo sulla mazza, col nome di Arian.

3) CLIMA
Il clima della zona, situata tra le colline di Relia, non differisce dal clima della capitale, Alma: nella bella stagione è quindi un’ottima zona per scampagnate, mentre d’inverno è facile trovare temperature rigide e sporadiche nevicate. Ad ogni
modo le condizioni climatiche della zona non interferiscono affatto con le attività del gruppo di Disertori ivi accampato.

4) ARTE
Probabilmente l’unica zona degna di nota dell’intero accampamento è la tenda del chierico rinnegato, specie per gli appassionati di luoghi alquanto “oscuri”: la piccola tenda è immersa nella penombra ed è arredata con i simboli di una qualche divinità malvagia; un altare occupa il centro dell’ambiente.
Da menzionare ancora la tenda del capo, la più vistosa dell’area: luogo interessante da visitare per coloro i quali apprezzano l’arredamento simil-barbaro. Secondo i canoni di questo stile, l’ambiente è arredato con un pessimo gusto estetico e a terra si può scorgere ogni genere di cianfrusaglia.

5) ARCHITETTURA
La zona sotto il controllo della banda di Kalthas è un vero e proprio accampamento militare. La zona centrale del campo (dove si accende il fuoco) costituisce il fulcro dell’intero complesso, che si sviluppa lì attorno. Le tende principali sono due: quella grande del capo a nord ed una più piccola, ma che senza dubbio cattura lo sguardo del visitatore, ad ovest, dove soggiorna Eriast. Le tende degli altri disertori sono meno visibili e si trovano a nord e ad est del fuoco.

6) STRADE
L’unica via di accesso all’accampamento parte da una brusca curva nella boscaglia che si trova lungo la Via delle Colline tra Lorgae e il Lago Azzurro. L’entrata è ben celata da alberi e cespugli e spesso viene “sorvegliata” accuratamente dai disertori.
E’ da segnalare la fermata “solo ritorno” degli aviani elfici, lungo la strada principale a sud-ovest del campo.

7) GEOGRAFIA
L’accampamento dei Disertori di Kalthas si trova in una zona collinare molto boscosa e pertanto perfettamente adatta agli scopi della banda. A sud-est si trova il villaggio abbandonato di Lorgae, mentre verso ovest si scorgono il Lago Azzurro e oltre le montagne con la Gola dell’Aquila.

8) TURISMO
La zona, comprensibilmente, non è molto frequentata, anche se spesso giovani avventurieri attraversano questi luoghi mentre tornano ad Alma dopo una visita ai maestri di New Thalos. Capita, a volte, di trovarvi anche avventurieri più esperti a caccia di pietre preziose.

9) INFORMAZIONI VARIE
La particolare conformazione di alberi e cespugli lungo la strada, rende questo luogo più pericoloso di quanto sembri: nessuno può dire dove una banda di Disertori si può nascondere per tendere degli agguati agli ignari passanti….

Condividi

Permalink link a questo articolo: http://leu.uaiz.it/biblioteca/progetto-atlante/relia/accampamento-dei-disertori/