↑ Torna a Grecia

Stampa Pagina

Olimpo

di Selene
========================

La mitologica dimora degli Dei Greci è un luogo inaccessibile a coloro che non seguono la Via del Bene a meno che non si cerchi di scalare l’Olimpo per sfidare gli Dei. Se così fosse, sarebbe il caso di giungervi all’apice della propria carriera, quando ormai molto si conosce dell’arte del combattimento.

1) POLITICA
I Numi sovraintendono e guidano la vita di ogni essere mortale di Grecia; ognuno di essi ha una sfera d’azione precisa e delle proprie peculiarità di carattere tali da poter comparare questi esseri Immortali a degli uomini comuni, con i loro pregi ed i loro difetti. Il Padre di tutti gli Dei è Zeus, armato del suo celeberrimo fulmine, che è in grado di abbracciare il mondo con un solo sguardo, servendosi del suo tavolo fatato. Sua moglie è Hera, che, accecata dalla gelosia, trascorre tutto il suo tempo a controllare le numerose e fugaci avventure passionali del marito. A guardia del Portale dell’Olimpo sta Dike, la Giustizia, davanti alla quale tutti gli uomini sono uguali e che, bendata, soppesa l’anima di ognuno sulla sua bilancia dorata, per scoprire chi è degno di accedere a questo sacro luogo. Le altre Divinità più rappresentative della zona sono: Aphrodite, la Dea dell’Amore e della Bellezza, che incanta e intrappola con un solo malizioso sguardo; Ares, il Dio della Guerra, che incute timore per la straordinaria forza; Athena, la Dea della Saggezza, nata da un’emicrania di Zeus; Hermes, il Dio del Gioco, dei Mercanti e dei Ladri, messaggero di Zeus così rapido da non poter quasi scorgerne i movimenti; Apollo, il Dio del Sole, instancabile nel suo lavoro di avvicendare Giorno e Notte ed infine Dioniso, il Dio del Vino, amante delle ninfe e del suo inimitabile mosto. Ad assistere questi Numi nel loro lavoro quotidiano (come loro lo definiscono, anche se il termine più adatto sarebbe “sollazzo”) ci sono numerose ninfe che si occupano del giardinaggio, del cibo e di ogni altro bisogno dei padroni di casa. Una delle figure di maggior rilievo è Ebe, la Coppiera degli Dei, che vada per l’Olimpo con delle Coppe colme della leggendaria Ambrosia, il nettare degli Dei.

2) RELIGIONE
Sembra inutile affermare che l’intero luogo è da considerarsi il fulcro della religione di Grecia, trattandosi della dimora degli Dei stessi! La camera privata di ogni Dio è una sorta di tempio in suo onore: come molti trattati hanno rilevato, i Numi tendono ad essere piuttosto egocentrici e vanitosi, chissà poi perchè…

3) CLIMA
L’intera zona gode di un clima ideale: la temperatura è estremamente piacevole tutto l’anno, l’aria e’ dolce e fresca e porta un delizioso odore di primavera. Certamente gli Dei non si fanno mancare nulla e questo sembra davvero il luogo ideale per trascorrere beatamente la propria vita: davvero nulla a che fare con i freddi inverni di Alma…

4) ARTE
Tra le opere d’arte più interessanti di questo meraviglioso luogo si deve sicuramente annoverare il tavolo fatato di Zeus: un soggetto in costante divenire che, oltre alla palese utilità, trova anche la sua esaltazione all’interno di una struttura quale il palazzo marmoreo del Padre degli Dei. Semplice ed essenziale è l'”Altare in pietra con ghirlanda” del Tempio di Athena, che ben ricalca lo stile sobrio della Dea. Sicuramente d’effetto è il Carro del Sole di Apollo: splende di luce propria, le ruote composte di puro fuoco ed i sedili cosparsi di carboni ardenti; è trainato da quattro cavalli scalpitanti che sembrano fatti di fiamma vivente. Questo spettacolare mezzo di trasporto si può vedere spesso anche fuori della Locanda di Alma Civitas, poichè spesso i visitatori lo portano via come Souvenir una volta “presi accordi” col padrone. Nella stanza di Hera si possono ammirare dei quadri in divenire: sembrando dei pannelli che mostrano scene reali di vita, rappresentanti giovani e procaci fanciulle. Sembra accendersi di rosso brillante non appena Zeus appare in uno dei dipinti, probabilmente spinto dalla passione…

5) ARCHITETTURA
L’intera sommità dell’Olimpo è da considerarsi un capolavoro di forme, colori e profumi da incantare chiunque si soffermi ad ammirare anche la semplice veduta d’insieme. Gli edifici certamente più rappresentativi sono le dimore private degli Dei, come ad esempio l’imponente struttura marmorea della Stanza del Trono di Zeus, con soffitto a cielo aperto: da questa altezza la volta celeste pare ancora più bella e infinita… L’Alcova di Aphrodite, invece, è un edificio piccolo ma grazioso all’esterno che però racchiude una grande sorpresa: mura, soffitto e pavimenti sono interamente a specchio e migliaia di fiori di differenti specie hanno magicamente messo radici nel lucido materiale. Il Tempio di Athena è un esempio di sobrietà e sacralità: la grigia pietra grezza con cui è costruito l’intero edificio pare essere in netto contrasto con la sontuosità dei viali di cristallo, ma resta comunque una struttura di gran fascino.

6) STRADE
L’unico collegamento esistente tra la sommità dell’Olimpo e il resto del mondo è la strada senza uscita proveniente dal sentiero roccioso ad est di Micene. C’è un passaggio anche nel Regno degli Inferi, ma anche quello non consente il ritorno. Pertanto, chiunque si avventuri oltre la soglia sorvegliata dalla Giustiza, deve conoscere delle vie magiche per tornare nella terra dei mortali.

7) GEOGRAFIA
Pur trovandosi sulla cima di un’altissima montagna sacra, questa zona non appare affatto rocciosa o conforme alla posizione geografica: i viali del Regno degli Dei sono infatti pieni di fiori e piante di ogni genere. Sembra quasi di stare fuori dal mondo… ehi! Siamo fuori dal mondo qui!

8) TURISMO
Questa zona è abbastanza frequentata, sia per il panorama che si gode, sia per l’oggettiva bellezza della zona. Spesso, però, questo luogo è meta di cercatori di pietre preziose senza scrupoli piuttosto che di onesti turisti. Forse è proprio per questo che alcuni abitanti non gradiscono la presenza di estranei nelle loro stanze.

9) INFORMAZIONI VARIE
Generalmente la salita all’Olimpo viene fatta di gran fretta e con intenzioni decisamente ostili o, per meglio dire, depredatrici. In realtà, con un po’ di accortezza, chi è puro di spirito può entrarvi con la dovuta calma.

Condividi

Permalink link a questo articolo: http://leu.uaiz.it/biblioteca/progetto-atlante/grecia/olimpo/